mercoledì 3 giugno 2015

DAY OFF 10/2 KALBARRI KM.54

DAY OFF 10/2
KALBARRI KM 54
TOT. KM 936



Mi sveglio presto, una breve colazione e Andy e Venus mi riportano nello stesso posto dove mi avevano caricato due giorni fa, con me solo la bici, tutto il resto lo riprenderò dopo, saluto Andy perché quando torno lui è a lavoro e riparto dal cartello che dice ‘Kalbarri 20 km’.
Noto subito una differenza assurda nel condurre la bici senza i 50 kg del carrello, il paesaggio è spettacolare e prima arrivare a Kalbarri vado a vedere un po’ di posti meravigliosi  allungando il percorso di 10 km.  Lascio la descrizione di questi scenari a queste foto, non sarei bravo a farlo. Negli ultimi km sento che il ginocchio non è guarito ovviamente ma è solo un leggero dolore, mi salta in testa l’idea di fermarmi un giorno in più per godermi questo meraviglioso posto e stare a riposo ma alla fine decido di andar via.

I wake up early, a quick breakfast and Andy and Venus bring me back to the same place where I had loaded two days ago, only my bike, everything else will take it back later, when I greet Andy because he has to work and the division sign that says 'Kalbarri 20 km'.
I notice a difference in the absurd conduct the bike without the 50 kg of the truck, the scenery is spectacular and first get to Kalbarri going to see a bit 'of wonderful places lengthening the path of 10 km. I leave the description of these scenarios at these photos, I would not be good at it. In the last km I feel that the knee is not healed but of course it's just a slight pain, the idea pops into my head to stop me an extra day to enjoy this wonderful place and stay at rest but in the end I decided to leave.












Torno a casa e trovo solo Venus, questo test di 30 km è stato positivo cosi in mezz’ora preparo tutto e decido di ripartire. Ho la ruota anteriore un po’ sgonfia, me ne accorgo dopo solo un km, sono ancora nel villaggio per fortuna, nel momento in cui provo a rigonfiarla si rompe la mia pompa e la ruota si sgonfia completamente, sono di fronte all’unico negozio che vende pompe per le bici, un negozio che tratta articoli da pesca, compro una pompa ma è un vero e proprio pacco, sarebbe più facile gonfiarla con la bocca, non ne hanno altre ed è l’unica soluzione, è uno sclero e durante questo sclero spunta Matilda una ragazza svizzera che avevo conosciuto a Geraldton, mi fa compagnia durante l’impresa di gonfiare questa ruota ma non ci riesco completamente, quando arriva verso la fine si sgancia tutto, tento e ritento ma è impossibile gonfiarla bene;  cosi Matilda mi guarda il carrello e vado in un Caravan park a chiedere una pompa;  un gentile signore mi gonfia la ruota con l’aria del Camper e torno da Matilda, facciamo due chiacchiere, mi augura buona fortuna e riparto, ma dopo solo un metro, credetemi un solo metro, si buca una ruota del carrello, sembra un film comico e scoppiamo entrambi a ridere ; dovrei prendere il mondo a calci ma resto sereno. Il destino mi sta dicendo che devo restare un giorno in più a Kalbarri , Matilda mi consiglia questa soluzione e ci diamo appuntamento per il tardo pomeriggio in giro da qualche parte. Torno dal signore del caravan park e riparo anche il carrello, ora sarei pronto per partire ma è tardi, sono tentato, non riesco a decidere cosi prendo la soluzione più drastica. Decido di chiedere al primo che capita, un po’ come il gioco della monetina; incontro un signore, rapidamente in modo elettrico gli spiego tutto e lui mi risponde: fermati qui oggi e goditi Kalbarri, domani sarà il tuo giorno perfetto. Prendo queste parole come un ordine e senza pensarci due volte decido di fermarmi.

I get home and I find only Venus, 30 km of this test was positive in half an hour so I prepare everything and decide to leave. I have the front wheel a little 'deflates, I realize after only a km, are still in the village fortunately, when I try to re-inflate it breaks my pump and wheel deflates completely, are opposite the only shop which sells pumps for bikes, a store that handles fishing, buy a pump but is a real bundle, would be easier to inflate it by mouth, have none other and it is the only solution, is one sclero and during This sclero check Matilda a Swiss girl I had known in Geraldton, keeps me company during the company to inflate this wheel but I can not fully, when it comes to the end everything is released, but it is impossible to try and retrying inflate it well; Matilda so he looks into your cart and go to a caravan park to ask a pump; a gentleman I inflate the tire with air Motorhome and go back to Matilda, we chat, I wish you good luck and division, but after just one meter, one meter believe me, will pit a wheel of the truck, it looks like a movie comic and both burst out laughing; I should take the rest of the world to kick but serene. Fate is telling me that I have to stay an extra day in Kalbarri, Matilda we recommend this solution and we set an appointment for the late afternoon around somewhere. I'll be back by the ladies of the caravan park and also shelter the cart, I would be ready to go, but it's late, I am tempted, I can not decide so I take the more drastic solution. I decide to ask the first that happens, a bit 'as the game of the coin; I meet a gentleman, quickly so the electric explain everything and he responds: stop here today and enjoy Kalbarri, tomorrow will be your perfect day. I take these words as an order and without a second thought I decided to stop.






Tornare a casa di Andy e Venus anche se sarei il benvenuto, non mi sembra il caso. Mi fa piacere quando la gente mi aiuta ma andare a bussare e chiedere di stare un’altra notte non lo vedo cosi positivo, hanno già fatto tanto per me, questa è la mia vita, vivo per strada cosi scarto subito la soluzione e me ne vado in spiaggia. E’ uno spettacolo Kalbarri, se avrei negozi per organizzarmi e la possibilità di lavorare mi fermerei un bel po’ qui, si respira un’aria di totale tranquillità e tutto è estremamente bello. Decido di tornare a Blaff point per il tramonto, il posto che nella pedalata mattutina mi aveva affascinato maggiormente. Una bella pedalate di 7 km e arrivo in questo paradiso , conosco un po’ di gente ma spero proprio che rapidamente vanno tutti via per godermelo da solo; non appena il sole tramonta, tutti scattano le loro foto di rito e vanno via lasciandomi da solo in questo scenario assurdo, voglio fermarmi qui per la notte, con la certezza che domani mattino avrò un risveglio perfetto da solo in questo posto, però fa freddo e soprattutto c’è troppo vento, con tanta indecisione vado via e torno nel villaggio.

Return home of Andy and Venus although I would be welcome, I do not seem the case. I enjoy it when people help me but go and knock and ask to stay another night did not see it so positive, have already done so much for me, this is my life, I live on the street so discard the solution immediately and I I go to the beach. It 'a show Kalbarri, if I would have to arrange shopping and a chance to work I would stop a lot' here, the atmosphere of total tranquility and everything is very nice. I decide to return to blaff point for the sunset, the place in the morning ride had fascinated me the most. A beautiful rides of 7 km and arrive in this paradise, I know a little 'people, but I hope that quickly go all the way to enjoy it alone; as soon as the sun sets, everyone taking their usual photo and go away, leaving me alone in this scenario absurd, I want to stop here for the night, knowing that tomorrow morning I'll have a perfect wake alone in this place, but it's cold and above all there is too much wind, so indecision I go away and come back in the village.



















Vado all’ostello di Matilda a dirgli che mi sarei accampato nell’ultimo punto della spiaggia dove ci sono bagni e barbecue  e mi avvio verso questo rifugio, a 200 metri dalla casa di Andy, penso che se lo sapesse mi chiamerebbe stupido fino alla morte ma sono sicuro che questa è la soluzione giusta. Faccio una breve sosta vicino ad un ristorantino nel centro per vedere se hanno la wi-fi  e se posso caricare i cellulari quando all’improvviso  vedo una macchina famigliare, wow, è Hiroshi un ragazzo giapponese che sta spudoratamente dormendo in macchina. Con Hiroshi ho lavorato insieme più di un mese, lui ha 21 anni ed è un ragazzo semplice e simpatico, è stato come un fratello minore per me a Donnybrook, il mio migliore amico da quando sono in Australia, il ragazzo con cui ho passato più tempo, andavo a lavorare tutti i giorni con la sua macchina, lui mangiava sempre pane e nutella per pranzo cosi ogni giorno anziché pagargli la benzina gli cucinavo un bel piatto di pasta, come una brava mammina.  Non l’avrei fatto con chiunque ma lui è stato davvero un fratello per me.  Andiamo in spiaggia, ci raggiunge Matilda e cucino mezzo chilo di pasta con mezzo chilo di salsiccia fresca, cipolla, panna e pepe nero. Dopo cena Matilda va via e con Hiro andiamo in spiaggia, è assurdo lo scenario, l’oceano indiano urla con onde alte più di 10 metri, la luna piena illumina il paesaggio ed è perfetto, sembra di essere in paradiso, ma pensandoci bene sono in un paradiso. Un momento che non si può descrivere assolutamente, un momento magico nato da tanti problemi, indecisioni e coincidenze. Problemi che fanno parte di questo viaggio, problemi che determinano incontri e situazioni speciali, problemi che bisogna risolvere in maniera positiva. 

I go to the hostel of Matilda to tell him that I would have camped out in the last point of the beach where there are bathrooms and barbecue and I go back to this shelter, 200 meters from the house of Andy, I think if he knew I would call stupid to death but I'm sure this is the right solution. I make a brief stop near a restaurant in the center to see if they have wi-fi and if I upload mobile when suddenly I see a family car, wow, Hiroshi is a Japanese boy who is shamelessly asleep in the car. I worked together with Hiroshi more than a month, he is 21 and is a simple guy and nice, it was like a brother to me in Donnybrook, my best friend since I was in Australia, the boy with whom I spent most time, I went to work every day with his car, he always ate bread and Nutella for lunch every day so rather than pay him the gasoline was cooking him a nice plate of pasta, like a good mom. I would not do it with anyone but he was really a brother to me. We go to the beach, we reach Matilda and cook a pound of pasta with a pound of fresh sausage, onion, cream and black pepper. After dinner Matilda goes away and Hiro go to the beach, it is absurd scenario, the Indian Ocean screams with waves more than 10 meters, the full moon illuminates the landscape and is perfect, it seems to be in heaven, but think about it are in a paradise. A moment that can not be described at all, a magical moment born of so many problems, indecisions and coincidences. Problems that are part of this trip, problems determining meetings and special situations, problems that must be resolved in a positive way.



DAY OFF 10/2
KALBARRI KM 54
TOT. KM 936

Everything I write in  English , write it using google translated, translate everything personally would be perfect to get better and better my English but it is impossible, hard work and I have the time and ability to do so. I hope you can understand everything I write.

Nessun commento:

Posta un commento