venerdì 26 giugno 2015

DAY 21 ROBE RIVER-MARIIE POOL 122 KM

DAY 21                                         ROBE RIVER-MARIIE POOL 122 KM TOT. KM 2146
                                    Il tappeto d'erba che ho fatto sotto la tenda mi ha fatto dormire comodissimo e l'alba al risveglio è qualcosa di speciale, tutto perfetto ma a rovinarmi subito la giornata c'è sempre il mostro, e giá è sempre lui il signor vento, visto che ormai è un'ossessione da oggi in poi lo chiameró cosi. Colazione rifugiato, preparo tutto e nel momento di rimettere a posto la tenda è un vero dramma, il mostro oggi è prepotente e me la fa volare via,  devo addirittura rincorrerla.. Mi aiuta  un uomo e durante l'operazione mi dice che tutti coloro che viaggiano in Australia in bici lo fanno nella direzione opposta per via del vento,  spesso lo avevo pensato anche io questo visto che ogni giorno ce l'ho contrario, ora lui peró me lo ha confermato, per sdrammatizzare gli rispondo che sará una sfida in piu dai,  ma il mio umore cala sempre di piu e la mia mente viaggia controvento..Fucking Wind..  Per come soffia forte quasi non vorrei ripartire ma sarebbe la scelta sbagliata cosi anche oggi inizio a sfidarlo.




 40km per un'area di servizio,  circa 120 per un parcheggio come questo e piu di 150 per la cittá di Karratha, l'area di servizio sará perfetta per comprare un pó di cibo, arrivare a Karratha sembra Impossibile, cosi parto con l'idea di raggiungere il rest stop dove ci sono altre persone che passano la notte.  I primi 10 km sono un incubo, non supero I 10km/h neanche in discesa,  per altri dieci sollevo leggermente la media ma ad un certo punto iniziano di nuovo i lavori in strada,  una corsia è chiusa ma il tipo al semaforo iniziale mi dice di usarla,  è tutta per me e dopo qualche km due operai mi regalano due bottiglie di acqua e una gatorede, fresche, freschissime, un lusso visto che l'ultima bibita fresca l'ho bevuta a Coral Bay 3 giorni fa.. Mi danno tante energie e continuo sereno con ritmo lento senza pensare piu di tanto al mostro che continua a tormentarmi. Attraversando un paesaggio bellissimo arrivo all'area di sosta Fortescue, tutto è carissimo ma sono costretto a comprare un pó di cibo,  un panino, un gelato, un barattolo di macedonia e un pacco di patatine, 24 dollari e quando il ragazzo vede la mia faccia di fronte a questi prezzi mi regala un'altro panino caldo.  Una sosta rigenerante in una classica area di sosta in riva ad un fiume e in uno scenario bellissimo.












Riparto ma non riesco mai ad avere un buon ritmo,  il mostro si diverte a prendermi in giro,  mi lascia superare i 15 km/h poche volte e la fatica la sento forte sulle gambe. Oggi il paesaggio è davvero una favola,  attraverso montagne di colore verde è anche se faccio fatica, tanta fatica tutto ció mi mantiene sereno.  Oltre ai camion immensi e i soliti caravan dei turisti australiani  il traffico è caratterizzato da decine e decine di auto e furgoni di laboratori, ci sono lavori in strada ed in piu due grandi miniere nella zona,  la gente è gentilissima in questa giornata e piu volte mi regalano acqua fresca.








Alle cinque di pomeriggio sono stanchissimo,  il mostro mi ha distrutto oggi,  non riusciro ad arrivare nemmeno nel parcheggio, il mostro sparisce ma ormai il fisico non ha piu forze. Decido di accamparmi nel bush all'ora del tramonto ma quando il sole inizia a calare sono in un'immensa pianura,  non C'è nulla ai miei lati, tanto verde e tutto piatto, accamparmi qui non è proprio il massimo cosi mi tornano le forze e ricomincio a pedalare con un grande ritmo fino a quando raggiungo una piazzola con le ultime luci del tramonto, non mancherá molto per il rest stop ma il traffico è assurdo,  cosi anche se qui sono solo e non C'è nulla va bene cosi.






Quando inizio a sistemarmi si ferma una macchina  (Anas australiana praticamente ), chiedo al ragazzo quanto manca per il rest stop,  mi dice che è la prima stradina dopo il fiume e che di km ne mancano solo 3, non posso far altro che dire wow e ripartire, questo ragazzo  mi chiede che tipo di luci ho e non gli piacciono,  me ne regala una ottima per la fronte e dice che mi scorterá fino alla strada per il rest stop visto che passano tanti camion e sarebbe molto pericoloso.  Grazie alla scorta passo il fiume, ringrazio questo ragazzo e inizio a percorrere la stradina sterrata,  vedo il giusto per andare avanti, c'è qualche camper ed io raggiungo l'unico posto illuminato con i tavolini, uno spettacolo anche oggi aver raggiunto un posto del genere.  Mi monto la tenda, cucino le ultimissime cose che mi sono rimaste e cado in un profondo sonno.

 Ogni giornata è difficilissima per via del mostro invisible, nonostante tutto sto facendo piu di 100 km al giorno e la sera sono sempre piu felice.  Domani arrivo in cittá finalmente,  voglio rilassarmi, lavarmi,magari fermarmi un giorno per dormire in un letto e ma sopratutto fare una bella scorta di cibo. Sto mangiando tanto,  mai ho mangiato cosi,  ho bisogno di mangiare ogni due ore,  oltre a darmi energie il cibo mi da comforto durante la giornata, non vedo l'ora di caricarmi un carrello...Sempre piu a nord dunque, sempre piu adrenalina, sempre piu persone che mi danno piccoli supporti con grandi gesti, sempre posti belli, sempre piu emozioni, sempre piu voglia di dire Viva La Vidaa.                        DAY 21                                         ROBE RIVER-MARIIE POOL 122 KM TOT. KM 2146

Nessun commento:

Posta un commento