mercoledì 8 luglio 2015

DAY 30 NILLIBUBBICA-WILLARE 60 KM

DAY 30
NILLIBUBBICA-WILLARE 60 KM
TOT. KM 3227
Ieri avevo accennato di aver commesso un ingenuo errore che mi ha molestato durante la giornata, stamattina al risveglio ho avuto la certezza che l’errore è stato troppo ingenuo; secondo la mia diagnosi, dopo aver bevuto l’acqua praticamente congelata ieri pomeriggio ho cominciato a soffrire un dolore alla parte alta dello stomaco, pungeva e scompariva, pungeva e scompariva, ho percorso ugualmente la tappa ma con il morale abbastanza giù, sia per il fastidio che per l’ingenuità. Speravo che la notte lo facesse sparire ma niente, al risveglio sento ancora questi piccoli crampi, inizio cosi la mattinata con fatica e negatività, dopo  colazione decido quasi di fermarmi un giorno in più in questo rest stop, poi guardo la mappa e mi rendo conto che ho una road house con relativo caravan park a soli  60 km, il prossimo rest stop invece è a 135; questi 135 km erano il mio obiettivo nel momento in cui ho chiuso gli occhi ieri notte, ora invece non riesco proprio a pensarci cosi riparto per raggiungere la road house, fare una tappa corta e riposare per ripartire in forma.

Durante i primi 20 km non sento alcun fastidio, sto sui 20 km/h in un bel paesaggio e ovviamente la mia mente inizia a volare verso la tappa lunga; è solo un’illusione, ricominciano i crampi allo stomaco, vado avanti perché le gambe pedalano ugualmente ma non va bene per niente, fa caldo, l’umore è giù e sono costretto a fermarmi ogni 5/10 km per riposarmi. Con gli occhi tristi e lo sguardo che fa fatica a godersi ciò che mi circonda mi rendo conto che il paesaggio è davvero bello, ci sono tantissime mucche, alberi particolari e soprattutto tanti grandi fiumi; sono arrivato nel territorio dei coccodrilli e da oggi in poi potrò accamparmi solo nelle aree designate a tale scopo perché finire nella pancia di un coccodrillo non è mai stato un mio desiderio.




Con fatica arrivo a Willare,  sono le 2 di pomeriggio , avrei il tempo di riposare e ripartire ma fermarmi diventa una vera e propria regola!!! Mi dicono che per utilizzare il caravan park devo pagare 5 dollari, non ci penso più di un secondo, sono in una condizione abbastanza negativa e ho bisogno di stare rilassato per risolvere questo piccolo problemino, cosi pago 5 dollari per usufruire del campeggio, bagni, piscina e corrente elettrica e altri 5 dollari per una bottiglia d’acqua fresca… un po’ assurdo dai!!! Noto che in questa road house oltre alle bibite carissime c’è un frigorifero pieno di carne in vendita, essendo una zona da pascolo qui c’è ottima carne locale a prezzi bassissimi..Willare è ufficilamente uno dei posti più economici dell’Australia dove fare un’ottima sosta, non bisogna bere peró.



 Mi sono fermato 4 giorni a Broome, una sosta apparentemente rilassante ma non lo è stato per niente; sarà che mi sono rilassato troppo ma non ne avevo assolutamente bisogno; per la bici è stata più che positiva visto che il meccanico l’ha rimessa a nuovo, per me assolutamente no, ho perso il ritmo e tutti ‘i lussi’ che offre una città mi hanno fatto esagerare, in primis la ripartenza con acqua congelata!!!! Da oggi in poi, userò le città solo ed esclusivamente per comprare cibo e risolvere eventuali problemi per me e per la bici, nei momenti in cui sento di aver bisogno di relax per il fisico, mi fermerò in posti isolati come quello dove sono ora, lontano dalla frenesia, dai vizi e da quella che uno dei più grandi viaggiatori degli ultimi decenni chiamerebbe ‘la società malata’.
Oggi ho fatto una tappa corta di soli 60 km e penso che  qualche settimana fa avrei visto questa giornata come una piccola sconfitta o magari nonostante non fossi stato in grado avrei continuato ugualmente come ho fatto nei giorni in cui mi sono fatto male al ginocchio; ora invece, particolarmente dopo aver preso la decisione di fare il giro dell’Australia completo,  mi rendo conto che questa tappa è stata meravigliosa, sia perché i 60 km di oggi sono stati difficili come i 200 di giovedi scorso, ma soprattutto perché ho eliminato la parola fretta dai pesi inutili del mio carrello; fermarmi è stata una scelta forzata, tattica e intelligente, cosi dovrò andare avanti da oggi in poi, nei momenti in cui posso spingere, spingerò forte e nei momenti in cui sento che devo stare calmo, starò calmo; ho superato una bella prova anche oggi, sono in questo tranquillo caravan park, ho pagato solo 5 dollari ed ho tutti i servizi,tra un po’ ceno, mi faccio le classiche chiacchierate con la gente e poi andrò a dormire sperando che dopo una rilassante notte domani sarò in grado di ricominciare a volare!!!
DAY 30
NILLIBUBBICA-WILLARE 60 KM
TOT. KM 3227

Nessun commento:

Posta un commento