venerdì 7 agosto 2015

DAY 46 WARLOCH-DALY WATERS 135 KM

DAY 46
WARLOCH-DALY WATERS 135 KM
TOT. 4938 KM

Quando apro gli occhi in questo rest stop l’aria è fresca come ieri sera, non si può stare a maniche corte ed il venticello minuto dopo minuto aumenta. Alle nove parto e con tanta serenità inizio a pedalare controvento con una media di 15 km/h, che non è affatto male..il vento qui è proprio strano, o perlomeno abbastanza differente da quello delle scorse settimane...quando non potevo fare a meno di chiamarlo ‘il mostro’. Devo dire però che l’incontro con Terra di tre giorni fa, la ragazza australiana che viaggia a piedi,è stato un incontro magico, mi rendo conto che mi ha trasmesso tanta ma tanta forza e mi ha pulito la mente da tutti i cattivi pensieri.
A mezzogiorno ho gia percorso 40 km e arrivo a Larrimah,una piccola comunità dove 9 persone; questo posto è famoso per il pub della pantera rosa, che entra nella classifica dei 10 pub più affascinanti del bush nell’intera terra australiana.
lI proprietari Rey è gentilissimo, mi fa sentire a casa passo più di un oretta in questo posto affascinante..; oltre ad essere tutto in rosa è un posto curioso sia per lo stile antico che per un piccolo ‘zoo’ che c’è nel giardino…decine e decine di uccelli coloratissimi, un grosso coccodrillo,emu e qualche piccolo canguro (i wallaby), tutti gli animali con cui convivo ogni giorno sulla strada rinchiusi in grosse gabbia, belli ma abbastanza triste!!! La gentilezza di Rey e lo stile del pub mi affascinano davvero tanto,  sembra il classico bar del deserto che siamo abituati a vedere ni film…mah.. non posso parlare più di film, la mia vita è un film da più di due anni ormai…!.








Ora non avrò rest stop gratis per 200 km perciò stanotte dovrò fermarmi o nel bush o nella prossima comunità che è daly waters, più che una comunità è un altro famoso pub in mezzo al nulla,mi separano 100 km e riparto all’una da Larrimah per raggiungere questo posto.
Percorro 20 km è capita ciò che non doveva o forse ciò che doveva capitare..un ‘simpatico camionista' che sta per superarmi si mette a suonare il clacson come un’esaltato, dal lato opposto non viene nessuno e non capisco il motivo di tutta questa foga, da bravo ragazzo visto che qui non ci sono corsie d’emergenza esco dalla strada come faccio spesso per lasciarlo passare in santa pace, di solito il ciglio della strada è fatto di erbacce e terra dura,per i primi metri è cosi, poi c’è un piccolo punto di sabbia nera,la bici si frena completamente, non riesco a togliere il pieda dal pedale e cado come una pera cotta con tutto il peso del corpo e della bici sul ginocchio destro, il mio famoso ginocchio destro; l’esaltato ovviamente non si ferma ma si ferma un auto con una coppia australiana, mi sono sbucciato il ginocchio e mi curano le ferite con alcool e betadin, gli dico che questo era il ginocchio che da un bel po’ mi crea problemi e mi chiedono se voglio caricare la bici sulla macchina fino al prossimo paesino, rispondo inizialmente con una risata, dopodichè per non dirgli ‘ma sei matto’, muovo rapidamente la gamba e gli dico ‘ sono sicuro che ora con questo colpo il mio ginocchio sarà molto più forte, li ringrazio,ci salutiamo e vanno via.

E’ uscito un po’ di sangue  ma non sento nemmeno un po’ di dolore e rispetto a prima non lo sento più fragile. Riparto e sembra di avere un ginocchio nuovo, questa caduta mi sa proprio che ha sostituito l’agopuntura, ora non lo sento più fragile, mi sembra di avere una roccia e continuo con un ritmo spettacolare; venti km/h, vado forte, mi sto divorando la strada e arrivo con questo ritmo più che intenso fino al tramonto..oggi niente canguri visto che di fianco a me è tutto bruciato, tanti uccelli però, tantissime maledette mosche che ronzano intorno alla mia testa e a rendere magica questa giornata un tramonto davvero spettacolare con diversi colori che creano strane e bellissime forme nel cielo…
cala la notte continuo a pedalare e arrivo al bivio che va al pub di daly waters, visto che 4 km più in avanti c’è anche una road house sono indeciso se andare a vedere questo posto o continuare per la road house , alla fine vince la curiosità, percorro 3 km verso destra è arrivo al pub..tanta ma tanta ma davvero tanta gente, musica country live e uno stile davvero bello, un posto famoso che attira tutti quelli che passano per lo stile, per la musica e per la sua storia. Mi fermo per 5 dollari nel caravan park del pub, non volevo pagare ma avendo assolutamente bisogno di un bagno per pulirmi la ferita sono  costretto. Passo una mezzoretta nel pub a bere una birra e a vedere tutti questi vacanzieri felici e ubriachi in questo posto dove non basterebbe una memory card da 4 gb per fotografare tutte le particolarità che lo rendono speciale.


Anche quella di oggi la inserisco nelle giornate belle e speciale, ho fatto tanti km, ho visto due posti storici del bush australiano e grazie ad una caduta mi sono reso conto che il mio ginocchio ora è guarito è non è di cristallo, sembra un contro senso quello che ho scritto ma credetemi è davvero cosi; ovviamente spero di non cadere mai più, oggi però questo episodio ha aiutato molto la mia mente a gestire questo problema al ginocchio che da tempo mi faceva stare sempre in pensiero, ora sta bene, non è di cristallo e io mi sento una roccia…strana la vita!!!

DAY 46
WARLOCH-DALY WATERS 135 KM
TOT. 4938 KM

Nessun commento:

Posta un commento