lunedì 17 agosto 2015

DAY 55 CAMOOWEAL-DAVID HALL 88 KM

DAY 55
CAMOOWEAL-DAVID HELL 88 KM
TOT. 5853


Solitamente passo il giorno di Ferragosto con la mia famiglia e i miei amici a mangiare e bere, oggi  mi ritrovo invece in un paesino al confine con il Northern Territory e il Queensland dove vivono 310 persone..sono arrivato qui dopo quasi 6000 km ma soprattutto dopo 3 drammatiche giornate in un territorio arido e aperto con un vento in faccia tremendo, aver superato questa situazione ed essere qui oggi è già tanto perciò questa giornata già ha tutti i suoi lati positivi…

..mentre raggiungevo questo posto pedalavo con l’idea che oggi sarebbe stato un giorno di totale relax, ma ieri sera mi sono addormentato con la certezza che nemmeno oggi sarà un giorno di relax; qui è tutto caro, posso riposarmi ma non ho voglia di stare qui, voglio raggiungere la prossima città che è Mount Isa e voglio farlo in 3 giorni nonostaste i km sono solo 188.

 Mi bloccherà ancora il vento ma in 3 giorni di sicuro riuscirò ad arrivare. Mi concedo solo una mattinata di relax,  mi rilasso ma il forte vento nello stesso momento mi agita mentre cucino e mentre mi organizzo..il mio pranzo di ferragosto sarà mezzo kg di spaghetti con panna,salsiccia e cipolla, farà da pranzo e da cena, il carrello è pronto, la roba che ho lavato si è asciugata e a mezzogiorno non mi resta nient’altro da fare che partire..

c’è il vento è forte e sono quasi terrorizzato dall’idea di rimettermi sulla bici in queste condizioni; allo stesso tempo non voglio restare a fare il trecentoundicesimo abitante di Camoowel e non voglio spendere soldi pagando cibo a peso d’ora, cosi lascio il campeggio, compro il giusto e necessario per 3 giorni e parto per fare 70 km in questo mezza giornata di Ferragosto.



Nel momento in cui inizio ad allontanarmi da Camoowel noto che qualcosa è cambiato, il vento è sempre forte,lo sento con le orecchie ma poco sul mio corpo; ora il paesaggio è diverso rispetto ai giorni scorsi, non è tutto aperto ma ci sono tanti alberi e piccoli rialzamenti di terra ai miei lati che mi coprono, vedo praticamente le cime degli alberi muoversi freneticamente mentre la parte bassa resta quasi ferma..
nonostante la strada è tutta in salita visto che sto andando a ‘Mount’ Isa, viaggio a 12 km/h, quando diventa piana a 15km/h e la mia mente è tutta un energia, km dopo km spero che la situazione non cambia, la studio e capisco le difficoltà che può crearmi il mostro, quando il paesaggio si apre ogni tanto mi rallenta un bel po’ ma per la maggior parte del tempo mi sento coperto. 



Intanto il ginocchio continuo a sentirlo fragile cosi mi viene in mente un regalo che mi hanno fatto qualche giorno fa, una pomata che diminuisce il dolore ed insieme agli antifiammatori d’ora in poi sarà la mia soluzione per andare avanti…cosi purtroppo!!


Con il cambio di paesaggio sono tornati gli uccelli e i canguri, il verde inizia a sostituire il giallo, mi sembra di aver viaggiato in quel maledetto pezzo di deserto per una vita anziché 3 giorni, vado avanti serenissimo, la musica finalmente fa il suo classico magico effetto e alle 5.30 quando ancora il sole non ha intenzione di tramontare sono già a destinazione…
Mi ritrovo in un punto in alto che ho raggiunto dopo tanti km di salita, ho la linea nel cellulare e mi sembra di vedere il mondo intero, è ancora presto ed ho le energie per non fermarmi cosi continuo a pedalare in questa magica giornata inaspettata e passo dopo passo mi tramonta il sole e cala la notte,




 gli ultimi 5 km li faccio al buio e arrivo nel rest stop David Hall, un posto strano , più che il classico rest stop a cui mi ero abituato mi sembra un immenso parcheggio per camion, c’è solo un camper, la situazione è quasi inquietante dopo che mi sono abituato a trovare decine di caravan in questi posti, c’è però il classico chioschetto con tavolino e panchine, il mio classico hotel a 7 stelle e va benissimo cosi..
Sereno e felice mangio,monto la tenda, sfrutto l’alta connessione e mi metto a dormirein questo gigante parcheggio; onestamente non riesco a capire come è fatto questo posto, è tutto buio e solo domani con la luce del sole mi renderò conto dove sono.




Bastava davvero poco per far si che questa giornata fosse speciale, non avevo bisogno di un pranzo di lusso o di stare a festeggiare in mezzo alla gente, oggi volevo semplicemente tenere la mente rilassata dopo 3 giorni difficili e avanzare senza problemi…la mente non è stata rilassata, di più…per quanto riguarda i km farne 20 in più del previsto con tanta leggerezza è stato davvero speciale!!! 
Sono a 100 km da Mount Isa e domani sono sicuro che arriverò a destinazione.

DAY 55
CAMOOWEAL-DAVID HELL 88 KM
TOT.5853

Nessun commento:

Posta un commento