domenica 6 settembre 2015

DAY 70 M.LARCOM-ROSEDALE 156 KM

DAY 70
M.LARCOM-ROSEDALE 156 KM
TOT. 7689 KM
              

Mi mancava l’esperienza di accamparmi abusivamente in una scuola, la compagnia è stata perfetta e il prato comodissimo… 

d’ora in poi accamparmi nelle scuole sarà un potenziale rifugio per la notte.. Da bravi studenti lasciamo la scuola, torniamo nel parchetto dove ci siamo incontrati per fare colazione e dopo un po’, saluto questa meravigliosa ragazza americana.

Devi va verso nord ed io verso sud, le nostre strade si separano rapidamente ma viaggiamo entrambi nella stessa direzione, verso la realizzazione di quei sogni proibiti che riempiono l’anima di gioia e di forza.

Il cielo è nero, l’aria e fresca e per un paio di km inizio la giornata sotto una leggera pioggia, passa rapidamente ma mi rendo conto che per Devi non sarà uguale, le nuvole nere lasciano spazio al sole nel mio cammino ma seguono questa ragazza che sicuramente ha le giuste energie per affrontare una giornata di pioggia e raggiungere la sua destinazione.





Quando incontro queste persone ricevo positività, energie e sempre di più quella matta voglia di vivere.. questa ragazza è davvero grande e pensando alla sua storia affronto in modo tranquillo questa tappa senza sentirne  minimente la stanchezza ( a parte il sedere  che ormai è la seccatura fisica che più mi molesta). 

Passo tanti paesini, tutti rigorosamente puliti con le piccole casette , qualche bar o negozio e i classici e meravigliosi parchetti con panchine e bagni dove sempre approfitto per fare pausa.

Arrivo dopo poco più di 90 km a Miriam Vale, un piccolo paesino che a differenza degli altri ha un visitor center con internet gratis, approfitto di questo posto per chiarirmi un po’ le idee sulla zona, sto per avvicinarmi all’area dove ci sono tante farm e dove vorrei fare la sosta lavoro..

Ieri Devi mi ha parlato di un ottimo sito web che serve per dare e richiedere ospitalità quando si viaggia in bicicletta, una sorta di couchsurfing per i ciclisti e visto che ho la wifi ne approfitto per fare un account e scrivere ad un po’ di gente della zona. 





Se continuo a viaggiare sulla highway fra 100 km arriverò a Gin Gin e poi a Childers che sono paesini pieni di farm, se prendo un’altra strada invece raggiungo Bundaberg, una città di 60000 abitanti con tante farm nei dintorni…

la signora del visitor center mi descrive le strade dicendomi che se percorro la highway oltre al traffico avrò tante salite dure cosi scelgo la seconda soluzione e parto verso Bundaberg con l’idea di fare altri 25 km oggi e 100 domani.

Il cambio di strada è una botta di vita, il traffico è leggerissimo e viaggio immerso nella natura, boschi e animali rendono il paesaggio meraviglioso, viaggio in prima classe e da oggi in poi mi sa che anche se allungo, cercherò il più possibile di evitare le strade principali ..è una vera e propria terapia per la mente viaggiare cosi.

Arrivo poco prima del tramonto a destinazione in una road house, la proprietaria e gentilissima, potrei accamparmi qua vicino ma la frenesia mi spinge per ripartire. 

Trovo un messaggio da parte di un signore di Bundaberg al quale avevo scritto su questo nuovo sito, perciò domani quando arrivo in città avrò una casa, la situazione è perfetta perché posso passare la giornata in giro a chiedere opportunità di lavoro e nel pomeriggio raggiungere la casa di Bob, da qui a Bundaberg però i km sono 100 e farli tutti domani significherebbe impiegare quasi tutta la giornata cosi anche se dovrò viaggiare di notte in un bel paesaggio fatto di salite dure decido di lasciare questa road house e iniziare questa avventura nei boschi in notturna,per fare altri 40 km fino al prossimo centro abitato che si chiama Rosedale…l’adrenalina comanda ormai.







Percorro meno di 10 km con le luci del tramonto ma l’intensità della strada mi fa andare lento e quando cala la notte l’umidità è assurda, alla fine di una salita sono praticamente tutto bagnato, per arrivare a Rosedale mi mancano circa 30 km e mi pento amaramente di aver preso questa decisione, 

passo più di un quarto d’ora nella più totale indecisione , mi viene quasi la voglia di accamparmi sul ciglio della strada, mi sembra di aver perso tutte le energie, ho paura di affrontare questa strada di notte ma grazie ad un evento strano salgo sulla bici e riparto..

Sono immerso tra tanto fumo, ci sarà stato un incendio in zona, le luci mi fanno capire che intorno a me e tutto in fumo, pezzi di genere svolazzano e sono costretto a tapparmi la bocca con un fazzoletto...

...sto viaggiando in un bosco in questa situazione, potrebbe sembrare drammatica ma ne tolgo fuori solo le cose positive, grazie a questo fumo mi sono asciugato, ora  non fa più freddo, piano piano ne esco e km dopo km comincio ad amare sempre di più questa tappa..

Ora è affascinante, con le luci che ho, viaggio in sicurezza visto che non sono molte le auto che passano, il clima è perfetto, nelle salite mi alzo sui pedali e nelle discese oggi mi sento come un pipistrello che vola nella notte...

...sulla mia testa la via lattea e migliaia di stelle illuminano un bel po’ questi boschi pieni di animali, non so in mezzo a quali animali sto pedalando ma ogni volta che giro la testa a destra o a sinistra la luce della mia torcia riflette sui lori occhi..tutto diventa sempre più affasciante e dopo due ore di viaggio in notturna arrivo a Rosedale.







Seguo le indicazioni per il parchetto pubblico e quando lo raggiungo trovo accampato un signore con la sua bici..subito si presenta, è un cinese ed ha 58 anni, mi dà immediatamente un bigliettino ma lo poggio sul tavolo senza leggerlo..

Sono gasato per questa tappa, ho fatto 156 km oggi,40 dei quali di notte nei boschi scalando ripide salite e volando in discesa, sono tutto adrenalina e nel momento in cui quest’uomo mi dice che lui ha fatto 70 km oggi, quasi voglio impossessarmi della conversazione.. ma questa euforia stupida si blocca nel momento in cui mi chiede di che parte dell’Italia sono.

Gli dico che sono calabrese e subito dopo gli chiedo se ha viaggiato in Italia…mi risponde cosi: ma non hai letto il mio bigliettino da visita??

... no, non l’avevo letto e quando lo leggo resto sconvolto… c’è scritto il suo nome  e sotto ‘’18 anni di viaggio in bicicletta’’ ‘’146 nazioni’’..

Questa è una storia assurda, ma seriamente…i paesi del mondo sono 196 circa e ne ha pedalati 146..non posso far altro che bombardarlo di domande e spalancare le orecchie di fronte ad una persona del genere…solo in Africa ha viaggiato in 51 nazioni, finora ha percorso in totale 450000 km, gli hanno rubato 6 volte la bici in America,è stato sequestrato dalla polizia corrotta in Africa e potrei continuare a scrivere aneddoti sulla sua vita.. 

una grande vita che ha deciso di cambiare 18 anni fa quando ha venduto due ristoranti decidendo di voler vivere in giro per il mondo con il minimo indispensabile.

Con immenso piacere e con tanta stima lo saluto perché va a dormire ma ci diamo appuntamento al mattino per fare un po’ di foto. Sconvolto da questa storia mi preparo la cena, mi monto la tenda e alle undici mi metto a dormire..o perlomeno ci provo.

Non appena spengo il cellulare parcheggia nei dintorni una macchina, inizio a sentire la mia lingua e dopo un paio di minuti mi ritrovo a due metri dalla tenda 3 ragazzi italiani in cerca di energia elettrica e di un posto dove cenare..

questo è l’unico posto della zona, arrivando qui hanno spudoratamente disturbato la quiete di questo parchetto e se al posto mio c’era qualcuno con un carattere diverso si sarebbe sicuramente arrabbiato alle 11 di sera…io invece sono uscito dalla tenda  ed ho passato una piacevolissima parte di serata insieme a questi 3 ragazzi .. tra chiacchiere,cibo e sigarette dopo una giornata dura di 156 km sono andato a dormire alle due di notte leggero come una piuma!!



Stamattina ho salutato la mia amica ciclista americana,poi ho fatto 156 km in grande stile e stasera ho conosciuto un uomo che ha visitato 146 nazioni nella sua vita…incontrare due colleghi di strada nello stesso giorno è stato sorprendente visto che in 7000 km finora ne avevo incontrati solo altri 7….ma incontrare un uomo con un curriculum di viaggio cosi ricco è stato geniale..ho conosciuto tanta gente ,tanti viaggiatori ma 146 nazioni sono davvero tante…tanta stima caro amico chino…tanta tanta stima!!!


DAY 70 
M.LARCOM-ROSEDALE 156 KM
TOT. 7689 KM

Nessun commento:

Posta un commento