venerdì 25 settembre 2015

DAY 87 MORUYA-TAHTRA 120 KM

DAY 87
MORUYA-TAHTRA 120 KM
TOT. 9714 KM



Dormo abusivamente dovunque ma stamattina sotto questo ponte di fronte alla gente che passa sono un pò in imbarazzo...per il resto fa freddo, tanto freddo e il vento è forte, fortissimo...

..ieri avevo pensato di cercare un lavoretto qui ma in realtà non me lo voglio trovare questo lavoretto...pieno di vestiti addosso decido di ripartire con l'obiettivo di arrivare a Narooma ,senza tante  pretese ma non posso nemmeno immaginare che giornata che sto per vivere....

...mi separano da Narooma circa 45 km ma con questo vento forte in faccia sembra una vera e propria impresa...





...questo è il vento più forte che ho incrociato finora ma è diverso da quello che mi ha fatto piangere nell'outback...per diversi motivi....

...qui  viaggio spesso chiuso negli alberi perciò non è sempre costante ma soffro solo le forti raffiche negli spazi aperti...le strade non sono rettilinee quindi cambiando spesso direzione spesso lo evito ed inoltre nei momenti che voglio fare pausa per rilassarmi  riesco ad imboscarmi sotto gli alberi...

...è forte, nell'outback spingeva a 30 km/h, ora a 50km/h...ma il vento dell'outback è il vento dell'outback..non c'è paragone...

...mi sorprende completamente il fatto che riesco ad avanzare tranquillo...lentissimo ma tranquillo..sarà che ormai ne ho passate di cotte e di crude ma oggi non soffro la situazione..

...fa freddo ma gli sforzi esagerati che faccio nelle salite mi riscaldano, anche oggi tante foreste e anche oggi tante salite, up and down, up and down e up and down..vado avanti cosi, becco una leggera pioggia ma per fortuna riesco a ripararmi in tempo, il sudore peró mi fa bagnare tutto e a mezzogiorno, dopo sole 4 ore ho fatto i 45 km per superare il ponte sull'acqua cristallina dell'oceano, che mi dà l'accesso al  centro di Narooma.









Non ci speravo assolutamente di arrivare cosi presto, non posso fare altro che cambiare subito il programma..vado al vicitor center a chiedere una mappa , punto una cittadina sul mare che si chiama Bermaugi (35 km  da qui) e parto controvento per raggiungerla..

Davanti a me il cielo è aperto, dietro di me nero e minaccioso, ho il vento contrario perciò penso che sia  ovvio che queste nuvole andranno sempre più verso nord...inizio a pedalare con questa convinzione...devo fare 15 km sulla princess e poi cambiare...

...è un'illusione di bel tempo,continuo a viaggiare da una cima all'altra tra tanti parchi nazionali, ci sono tante fattorie, il verde mi distrae dall'intensità della strada e del vento, è quasi piacevole andare avanti cosi fino a quando arriva un tremendo temporale...

...salite intense con un vento che mi spinge forte e il cielo che mi scarica addosso tanta acqua..sono tutto bagnato e congelato, vorrei fermarmi in una di queste fattorie per ripararmi e riscaldarmi ma l'adrenalina mi spinge...lentamente ma mi spinge...

...arrivo al bivio e finalmente becco 5 km di pura discesa che mi congela ancora di più..le mani sono ghiacciate, faccio quasi fatica a frenare...

...arrivo sul lago Wallaga, acqua cristallina, montagne intorno e tanti uccelli...smette di piovere e spunta di nuovo il sole che mi permette di fermarmi a riposare in questo meraviglioso paesaggio e qui conosco la persona che cambia il folle destino di questa giornata...

...voglio fumare ma avendo le mani congelate non riesco a rollare il tabacco, chiedo aiuto a quest'uomo che anzichè usare il mio tabacco mi da una sigaretta e tra una parola e l'altra mi dice a che vive a Tahtra e che quando passo da li posso fermarmi a casa sua...

...la mia necessità oggi e farmi una doccia e asciugare tutta la roba, stavo raggiungendo Bermaugi strisciando per realizzare questi bisogni in un caravan park a pagamento...questo invito però mi manda in tilt, sono le due e mezza di pomeriggio, sicuramente non posso arrivare a Tahtra di giorno ma arrivarci significherebbe avere una casa...

..Des mi lascia il suo bigliettino con il numero di cellulare e l'indirizzo e gli dico che ora andrò a Bermaugi e in base all'orario e alle mie condizioni decidero se tentare questa follia per raggiungere la sua casa oggi...










..riparto dal lago e dopo due minuti arriva  un'altra scarica tremenda di pioggia ma ormai non fa differenza perchè sono completamente bagnato...arrivo a Bermaugi e mi accoglie uno spettacolare arcobaleno...questo posto è stupendo ma non mi interessa più di tanto...

... provo a cercare soluzioni anche se la mia testa ormai è nella casa di quest'uomo...nel caravan park il costo è eccessivo e dovrei dormire nella tenda senza un tetto (idea bocciata), nei bagni pubblici non ci sono scaldini per asciugarmi, le signore del visitor center mi dicono che da qui a Tahtra ci sono 44 km, salite estreme ed in mezzo solo natura...

...passo un quarto d'ora di indecisione, il sole e il vento mi asciugano un pò e la mia testa è sempre di più verso Tahtra...

..l'idea di ritrovarmi in una foresta sotto la pioggia a scalare ripide salite un pò mi terrorizza ma sono alla ricerca dell'avventura, mi convinco che devo tentare questa follia e riparto...





...dopo solo due km arriva puntuale un'altra scarica di pioggia intensa, vorrei tornare indietro, mi chiedo cosa sto facendo, sono consapevole che per fare questi 44 km dovrò viaggiare più di un'ora di notte se va bene ma vado avanti...

...ormai è una sfida nella sfida, viaggio per mezz'ora sotto il diluvio in salita...i boschi e le spiagge mi fanno distrarre la mente e quando smette di piovere l'adrenalina sale ancora di più...la strada lascia la costa, passo da un parco nazionale all'altro,  ormai non sento più il freddo, le gambe che sembravano spezzarsi un paio d'ore fa ora non sentono la fatica, per tenere calde mani e piedi muovo le dita in continuazione...

....sono momenti di gloria, momenti emozionanti, scalo con la forza dell'anima queste montagne ripidissime , nei prati ci sono centinaia e centinaia di canguri, nelle discese un pò per il freddo e un pò per la paura di slittare vado piano...è favoloso ciò che sto facendo in questo momento, non so se lo farei per soldi tutto ciò, è pura passione, è pura follia...la casa di Des mi chiama, sogno la sua doccia calda e il materasso che mi ha promesso...

...avanzo,avanzo e avanzo...per fortuna non piove più, cala la notte il cielo si riempie di stelle che insieme alla luna mi permettono di viaggiare solo con le luci rosse di sicurezza in questa strada trafficata solo da canguri e da un folle che trascina un carrello tra queste montagne che sono sempre più ardite...

...sono momenti che non si possono descrivere, avrei dovuto registrare i miei pensieri mentre li vivevo per far capire cosa si prova realmente a vivere una giornata del genere...

...ora sto viaggiando di notte tra i boschi di queste montagne, il corpo è congelato ma avanzo, mi metto addirittura la musica che rende questa follia notturna speciale e all'improvviso dopo una salita che sembrava non finire mai, vedo tra gli alberi tante lucine che mi fanno capire che sono a pochi km dal paese...

...è una botta di pura vita questo momento, non riesco a crederci, l'emozione è tanta, sto per raggiungere un traguardo speciale...la lunga salita finale si trasforma in una discesa pericolosa che affronto lentamente al buio e quando arrivo di fianco all'oceano, a circa 3 km dalla casa di Des il cielo mi invia l'ennesima scarica d'acqua...

....stavolta lo ringrazio, è stato calmo per tre ore, mi ha fatto attraversare queste montagne di notte, ora può buttare giù tutta l'acqua che ha perchè ormai sono arrivato...

...raggiungo la casa di Des, sono congelato ma felice, estremamesnte felice...Des è sconvolto,non riesce a crederci che sono arrivato..mi mette tutto a disposizione, mi prepara un the caldo che me lo striscio sulla faccia,mi faccio la doccia più bella della mia vita e mi rilasso in questa bella casa che ho raggiunto facendo una vera e propria impresa eccezionale!!!!







A parte il numero dei km... volevo farne solo 45 oggi, poi sono passato a 76 e alla fine ne ho fatti 120...quella di oggi penso che è stata la giornata più folle di questo viaggio...è stato abbastanza pericoloso fare ciò che ho fatto...e da matti..ma con tanta attenzione e con tanta forza è andato tutto più che bene...

..uscire felice, sorridente e vittorioso da una giornata del genere è il massimo per un viaggioin bicicletta...non bisogna esagerare nella vita, ma a volte esagerando le soddisfazioni sono tante...oggi ho esagerato!!!

DAY 87
MORUYA-TAHTRA 120 KM
TOT. 9714 KM

Nessun commento:

Posta un commento